Monthly Archives: giugno 2014

Sui princìpi nessun compromesso

E’ ammissibile prendere con la forza la roba di altri? 
E’ giusto stampare soldi quando ne hai bisogno?
E’ giusto che il tuo parcheggiatore affitti ad altri la tua auto parcheggiata perchè sa che tanto non ti serve per una settimana?
E’ corretto mettere sotto processo qualcuno anche se nessuno ha denunciato di aver subito un danno?
E’ giusto impedire che due persone consenzienti decidano di scambiare beni e servizi attraverso la moneta che preferiscono?

Queste domande sembrano ovvie, e altrettanto ovvie dovrebbero essere le risposte. Purtroppo non è così. Se queste domande le rivolgiamo ad un individuo, costui difficilmente farà difficoltà a rispondere. Se però sostituiamo il termine Stato a uno dei due attori, troveremo che le risposte non sono così ovvie.

Il famoso detto popolare dice che il diavolo si nasconde nei dettagli. In questo caso i dettagli sono il “sì … ma” oppure il “no … ma”. Intendo dire che quando un principio è generalmente accettato dalle persone che lo ritengono valido, ma viene messo in discussione se uno degli attori è lo Stato, allora qualcosa non funziona.

Il manifesto dei Liberi Comuni d’Italia, raccoglie una serie punti sui quali NON si ammettono deroghe da parte delle istituzioni pubbliche.
E’ il tentativo di formulare un programma più possibile nella direzione di un ideale di Libertà che è stato tradito da partiti, filosofie politiche e teorie economiche etichettate sotto la forma di “liberalismo”.

Nessuno di questi partiti liberali sta avendo successo nelle democrazie di massa. Quando i popoli sono stati governati da istituzioni autenticamente liberali lo sono stati per un periodo limitato che è passato ormai da molto tempo.Negli Stati Uniti di Obama, dell’insegnamento dei Padri Fondatori è rimasto assai poco.
Ci sono stati alcuni leader politici che si sono richiamati a quei valori anche in anni recenti, ma sono riusciti solo imporre una pausa temporanea, lunga un paio di legislature al massimo, in cui lo scivolamento di quei valori verso l’oblio è sembrato rallentare.

Io, e coloro che la pensano come me, siamo convinti che i predicatori del liberalismo attuale non hanno e non potranno mai avere che pochissimo seguito proprio perchè sono venuti a patti con i concetti di libertà individuale richiamati nelle domande iniziali.

Ne sono venuti a patti nel nome di un malinteso “realismo” che ha confuso le menti di coloro che sentono che qualcosa non torna e quindi, piuttosto, si rifugiano in un disperato cinismo e disincanto. Il non voto è una manifestazione di questo, che si traduce nel condurre una vita da “fuggitivo” oppure da solitario “sognatore”, non si sa bene che.
Mi richiamano coloro che pretendono dalla Chiesa di scendere a patti con i principi fondanti del Cattolicesimo perchè non sono realistici e moderni. E’ un bel guaio se pare cascarci anche l’attuale Papa. Ma non essendo credente, lascio ad altri questa discussione.

I principi del manifesto dei Liberi Comuni d’Italia, non sono da capire, perchè sono autoevidenti. Sono da accettare o da rifiutare.
Se si accettano, si accetta anche l’assioma che sta in capo a tutto.

Non esiste alcun essere vivente di natura umana che, in forza della violenza o del voto democratico, avrà mai la legittimità di privare un individuo della sua libertà se non ha fatto del male ad altri, o della sua proprietà privata, se accumulata onestamente da sè o da chi gliel’ha trasmessa.

La rivoluzione che cercavi . . .

Tutti aspettano una rivoluzione, e aspettano che siano altri a farla. Dobbiamo armarci ma non per una rivoluzione, quelle le lasciamo a chi vuole sostituire ai tiranni di oggi i tiranni di domani, cioè loro stessi.

Dobbiamo liberarci dai parassiti e tiranni inverecondi di oggi, potranno continuare a fare quello che hanno sempre fatto ma non più per noi, mai più a nostre spese. FINE.

Se vuoi questo lo devi fare tu, lo puoi fare solo tu per te, io per me, e ciascuno per la propria famiglia e le persone che ci sono care. Nessun’altro al mondo meglio di te, può riprendersi la libertà che ti hanno rubato, i sogni che ti hanno spezzato, le speranze che avevi per te e le persone che ami. Riprenditi la libertà che ti serve per vivere, sognare, sperare, combattere e costruire un mondo più libero e meno indecente di quello di adesso. Senza quella libertà sei un morto che cammina. E insieme a te morti saranno anche quelli che ti stanno intorno.

Aderisci a LIBERI COMUNI d’ITALIA e arruolati per la guerra di liberazione che è già partita. Qui non ci sono tessere e non devi pagare nulla ma non si distribuiscono poltrone, non si promettono pensione, lavoro, autostrade, ponti sullo stretto, assegni e bonus. Nulla di nulla. Se cerchi questo, cambia aria amico/a mia e continua a seguire quelli che da sinistra a destra da 70 anni ti hanno promesso tutto per consegnarti quello che hai adesso. Se vuoi rimanere schiavo, sussidiato, sempre in attesa che qualcuno provveda a te e alla tua famiglia, continua a fare quello che hai sempre fatto. Vota, paga le tasse, e continua a fare il cittadino modello e ogni mattina ascolta i mantra dei tuoi beniamini di partito e sindacato, e i monito che arriva dall’amato Colle. Hai i partiti e il Paese che ti meriti.

Se vuoi invece liberare l’Italia dagli occupanti sappi allora che non è più tempo di chiacchiere e neppure più tempo per attendere. Ricorda : “UN VIAGGIO DI MILLE MIGLIA COMINCIA SEMPRE COL PRIMO PASSO“. Fallo oggi quel passo, domani potrebbe non essere più possibile. La Storia non l’ha mai cambiata la massa. La cambiano uomini e donne che si mettono in viaggio e hanno un sogno : la LIBERTA’.

Aderisci ORA a Liberi Comuni d’Italia.