Monthly Archives: settembre 2016

ADERISCI E CONTRIBUISCI ANCHE TU ALL’AFFERMAZIONE DELLA LIBERTA’

Questi i riferimenti bancari per chi volesse anche solo versare 5 euro, per sostenere il miserevole conto corrente postale, aperto nel febbraio scorso per dar vita a questa associazione.
IBAN : IT69 H076 0101 6000 0103 0955 221
intestato a LIBERI COMUNI
Non perdo le speranza che gli amici con cui avevamo iniziato questa avventura il 4.5.2014 e quelli che via via ci hanno conosciuti e avvicinati in questi due anni, possano capire che affermare la Libertà non è semplice e non è gratis.

L'immagine può contenere: nuvola, oceano, cielo, spazio all'aperto e natura
La Libertà avanza a grandi passi…

Problemi differenti richiedono soluzioni differenti, è un’affermazione ovvia. Tutti concordano sul fatto che ad esempio una malattia richiede soluzioni mediche. E all’interno delle soluzioni mediche la stessa malattia può ricevere soluzioni (cure) differenti e quindi avere esiti diversi.

Stessa cosa dicasi del crollo di un edificio, del fallimento di una banca, dei capricci di un bambino, persino nel campo dei sentimenti, ci sono soluzioni differenti a seconda del problema.

Guardate cosa accade adesso, partendo da un punto che accomuna tutte le persone di buon senso e che non hanno ancora eretto la barriera dell’ideologia e delle proprie credenze:

per ogni genere di problema sociale, economico, umano, familiare, societario, e cosi via vi è un ambito, quello degli stati e delle demokrazie, dove la sedicente “cura” sarebbe fare una legge se ancora non esiste, o cambiarne una esistente perchè evidentemente non ha funzionato ?

A partire da questo punto, le risposte si divaricano in mille pareri, opzioni, distinguo. Quindi una cosa ovvia e accettata da tutti, sul piano del buon senso, appena viene trasferita all’ambito politico e dello stato, trasforma il senso comune in milioni di opinioni diverse e idee contrapposte. Questo ci deve far riflettere sui danni delle ideologie, e degli strumenti per la loro affermazione: propaganda, scuola pubblica, media sussidiati, sussidi e concessioni erogate coi soldi rapinati col prelievo fiscale.

Concludo queste brevi riflessioni mattutine con un pensiero di Howard Kershner, economista del XX sec. (traduzione di Christian Merlo).

“…..quando l’autogoverno degli individui conferisce al proprio governo il potere di prendere da alcuni per dare agli altri, il processo non si fermerà fino a quando l’ultimo osso dell’ultimo contribuente non sarà messo a nudo>>. Mettere la propria vita nelle mani di politici in cerca di supporto elettorale non solo compromette la propria indipendenza personale, bensì anche l’integrità finanziaria della società nel suo complesso. Una volta che il processo è stato avviato, è difficile ripristinare i giusti equilibri in seno ad uno stato assistenzialista, e le cose solitamente non vanno mai a finire per il meglio….”